​ Binance Research: I Miner di BSV e BCH Avrebbero Potuto Guadagnare Milioni in Più se Avessero Minato Anche BTC

2019-12-26

Binance Research ha pubblicato un report approfondito sull’economia del mining di Bitcoin, confrontando e analizzando i meccanismi e la redditività del mining tra Bitcoin, Bitcoin Cash e Bitcoin SV.

Binance Research, il ramo di Binance dedicato all’analisi e alla ricerca di mercato, ha pubblicato un nuovo report sul mining di criptovalute, settore che si è trasformato in un’industria da un miliardo di dollari grazie all’aumento del prezzo di Bitcoin e di altre criptovalute. Il report, dal titolo “Bitcoin Mining Allocation,” si concentra su Bitcoin (BTC) e due dei suoi fork: Bitcoin Cash (BCH) e Bitcoin SV (BSV). 

In questo nuovo report, Binance Research stima che i miner di BSV hanno perso $12,5 milioni in potenziali ricompense che avrebbero guadagnato se avessero fatto mining di BTC, durante i 13 mesi trascorsi dal lancio di BSV. Invece, il costo opportunità cumulativo per i miner di BCH sullo stesso periodo è stimato a $7,7 milioni.

Il report indica che il settore del mining crypto è diventato sempre più specializzato, come mostrato dal rilievo dei miner Application-Specific Integrated Circuit o ASIC. Il report delinea il cambiamento nei paradigmi di mining di BTC, da CPU e GPU a setup Field Programmable Gate Array (FGPA) e l’attuale dominanza delle ASIC, oltre ai principali operatori nel settore.

Il report mette inoltre a confronto meccanismi e redditività del mining tra BTC, BCH e BSV. Binance Research ha riportato che il mining per BCH è spesso più economicamente razionale, mentre il mining di BSV implica un costo opportunità significativo per gran parte del 2019, stimato a più del 15% del suo rendimento totale dal mining per la sua intera storia, dal fork di novembre 2018.

Tuttavia, i meccanismi sottostanti per il mining di BTC, BCH e BSV sono in gran parte gli stessi, in quanto utilizzano la stessa funzione di hash. Secondo Binance Research, le rispettive redditività di mining, espresse attraverso il rapporto ricompensa-difficoltà, dovrebbero convergere a lungo andare, nonostante i prezzi differenti.

Il report ha indicato che la redditività di mining di BCH è arrivata ad essere quasi uguale a quella di BTC a Marzo 2018, nove mesi dopo la divisione. Invece, la redditività di mining di BSV è iniziata a convergere con quelle di BTC e BCH ad Agosto 2019, anche qui nove mesi dopo l’hard fork dalla blockchain di BCH.

“Potenziali ragioni per allocazioni di mining subottimali includono variazioni nelle condizioni di liquidità, una parziale mancanza di prodotti derivati maturi, ricompense aggiuntive per il merged mining e differenze nella struttura delle mining pool”, secondo il report.

Tuttavia, Binance Research ha concluso che le ragioni menzionate non spiegano necessariamente la redditività del mining di BSV inferiore a quella degli altri due, e che potrebbero essere implicati fattori aggiuntivi, politici o di altra natura non economica.

Leggi il report completo qui.